REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VENDITE IN SALA

VISIONE BENI

I beni sono esposti presso l’Istituto Vendite Giudiziarie delle Marche sito in Monsano (AN) in Via Cassolo 35 le relative date e orari saranno consultabili nella scheda del lotto riportata sul sito internet www.ivgmarche.it.

Per alcune tipologie di beni (Preziosi, etc.) la visione potrebbe essere consentita telematicamente o previo appuntamento da concordare con l’Istituto Vendite Giudiziarie.

I beni lasciati presso i luoghi di custodia possono essere visionati, senza alcun onere, su appuntamento. La richiesta di appuntamento può essere inoltrata tramite email all’indirizzo: info@ivgmarche.it, da far pervenire entro e non oltre 05 giorni antecedenti la data della vendita.

VENDITA

Giorno, ora e modalità sono indicati sulle schede dei singoli lotti consultabili sul sito www.ivgmarche.it.

CONTEMPORANEA (LIVE- AUCTION)

La gara si svolgerà in 2 fasi:
- la prima fase è la “raccolta offerte” telematica sul portale www.spazioaste.it. La “raccolta offerte” è quella modalità che permette agli utenti che non riescono ad essere fisicamente presenti in sala Aste I.V.G., di poter manifestare il loro interessamento depositando un’offerta di acquisto telematica; 
- la seconda ed ultima fase è la gara fisica presso la sede dell’I.V.G. in contemporanea con il pubblico in remoto (Live Auction - asta in contemporanea) dal portale www.spazioaste.it
La migliore offerta ricevuta nel periodo dedicato alla “raccolta di offerte” sarà considerata il prezzo base della gara che si terrà comunque fisicamente in sala aste I.V.G.

Se non verranno presentate altre offerte in sala aste I.V.G, la migliore offerta ricevuta in via telematica “raccolta offerte” diventerà automaticamente l’aggiudicazione finale.

ATTENZIONE: i rilanci in sala e quelli inseriti in via telematica necessitano di alcuni secondi per essere evasi, per sicurezza inserire il rilancio prima che il contatore sia ai 10 secondi. Se si segue l'asta su facebook https://www.facebook.com/ivgdellemarche/ ricordarsi della differente sincronizzazione tra il video e il contatore di www.spazioaste.it

Modalità di partecipazione (Live Auction - asta in contemporanea)


Il prezzo offerto per detta partecipazione non potrà essere inferiore al prezzo base di gara e l’offerente (solo in caso di asta fisica) dovrà fare almeno un’offerta non inferiore al prezzo base aumentato di un rilancio per aver aggiudicato il bene, anche in caso di unico partecipante.

Per la partecipazione on-line alla gara è necessario iscriversi sul sito www.spazioaste.it versando la cauzione a mezzo carta di credito o a mezzo bonifico, secondo le tempistiche dichiarate nella scheda pubblicitaria reperibile sul predetto sito www.spazioaste.it.

Partecipando alla gara on-line dichiaro sin d’ora che
1) la mia offerta è irrevocabile e valida fino ad aggiudicazione definitiva (cioè lotto consegnato) dei lotti di mio interesse;
2) mi impegno sin d’ora a corrispondere il prezzo lordo nella sua interezza, immediatamente, dalla comunicazione che mi verrà fatta con qualsiasi mezzo;
3) dò atto di essere stato informato che, in caso di mio inadempimento, l’I.V.G. potrà a titolo discrezionale dar corso all’annullamento della vendita e, a tale effetto, mi impegno sin d’ora in tal caso a sostenere le spese del nuovo esperimento di vendita che potrà essere disposto ai sensi dell’art. 540 c.p.c.;
4) dò atto di essere stato informato che la validità e l’efficacia della presente offerta sono subordinate alla completezza della documentazione richiesta, da far pervenire in allegato alla distinta di avvenuto bonifico assieme a:

  • copia fotostatica fronte/retro del documento d’identità in corso di validità;
  • visura ordinaria rilasciata dalla CCIAA non oltre tre mesi prima della presente offerta (solo in ……….caso di società);

  • Disposizioni generali per la partecipazione le vendite giudiziarie

sono regolate dagli Artt. 532 - 533 - 534 - 535 - 537 - 540 del c.p.c. dagli Artt.353, 354 c.p., dagli Artt. 2756 - 2761 c.c.

Chiunque, tranne il debitore, può partecipare alle aste purché munito di documenti di riconoscimento validi e non scaduti.

È obbligatoria l’identificazione dell’aggiudicatario 

Le aggiudicazioni e l’atto di trasferimento del bene possono essere formalizzati solo a persona presente riconosciuta dagli incaricati I.V.G. attraverso documenti di identificazione sopra detti. In deroga possono essere fatte aggiudicazioni ad utenti della piattaforma www.spazioaste.it  la cui registrazione risulta validata dalla piattaforma telematica.

Acquisto per società o per un terzo

Mentre è sempre possibile aggiudicare il bene alla propria ditta individuale, per un qualsiasi altro tipo di società sono necessari: una visura camerale (massimo di tre mesi) che attesti le qualifiche, i poteri di acquisto e la rappresentanza legale della persona nei confronti della società e/o la procura. In caso di persona munita di procura sarà necessaria anche la visura per il riconoscimento dei poteri del mandante.

Visione dei beni in vendita con la partecipazione alla gara l’offerente dà atto che il bene è visto e piaciuto.

Quindi appena individuato il lotto da acquistare è sempre meglio vederlo personalmente e testarlo; la visione dei lotti è un diritto che consente di avere una maggiore certezza del bene e delle sue caratteristiche. Infatti, dopo l’aggiudicazione non sarà possibile recedere dalla vendita giudiziaria non essendo tali vendite sottoposte alla garanzia per vizi occulti; ne consegue che eventuali mancanze, differenze, difformità, oneri di qualsiasi tipo, anche se occulti e non conoscibili, della cosa venduta non potranno dar luogo a risarcimenti, indennità o riduzioni di prezzo.

Al momento della vendita è emessa una Bolletta Ministeriale con la quale si trasferisce la proprietà del bene da un soggetto all’altro; è un atto pubblico che in caso di recesso si assoggetta alla Legge sulla turbativa delle aste di cui agli artt. 353 e 354 c.p.

Anche per questo motivo i beni in vendita in sala sono a disposizione dell’utenza negli orari indicati su ogni singola scheda.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Per partecipare è necessario:

  • essere maggiorenni
  • essere in possesso di un valido e regolare documento di riconoscimento
  • essere in possesso del codice fiscale e/o partita iva
  • essere in possesso di una visura camerale (persone giuridiche), da cui risultino i poteri del partecipante
  • essere in possesso di una Procura Notarile in caso di partecipazione in nome e per conto di soggetti terzi (necessaria sia per persone fisiche che giuridiche)
  • non occorre depositare iscrizioni e/o cauzioni per partecipare. Per alcune procedure potrebbe essere necessario il versamento della cauzione, in tal caso le modalità sono consultabili nella scheda e/o nell’avviso di vendita.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Il saldo definitivo dei beni NON può esser effettuato ONLINE tramite carta di credito ma solo tramite bonifico o nei seguenti modi presso gli uffici dell’Istituto Vendite Giudiziarie delle Marche:


Per il saldo importi PARI O SUPERIORI ad € 3.000,oo esclusivamente con:
• assegni circolari o equivalenti postali non trasferibili intestati a Vemi Istituto Vendite Giudiziarie Marche s.r.l.;

  • carta di credito (con oneri di commissione bancaria);
    • bonifico bancario (con oneri di commissione bancaria) utilizzabile solo per gli tenti che si sono resi aggiudicatari in modalità on-line, intestato a: Vemi Istituto Vendite Giudiziarie Marche s.r.l. - codice Iban: IT78T0311137400000000007172- SWIFT BLOPIT22.

In via straordinaria può essere lasciato a garanzia un assegno bancario non trasferibile intestato all’I.V.G. Marche corredato di un documento dell’aggiudicatario in corso di validità, ma, entro e non oltre il giorno successi alla gara di vendita, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.30 dovrà essere perfezionato il pagamento (restituendovi l’A/B lasciato in garanzia) con le modalità sopra riportate che consentirà il trasferimento, la consegna del bene e l’emissione della Bolletta Ministeriale.


Per il saldo importi INFERIORI ad € 3.000,oo:
• per contanti;
• con bancomat (con oneri di commissione bancaria) - no postamat;

  • carta di credito (con oneri di commissione bancaria);
    • con assegni circolari o equivalenti postali non trasferibili intestati a Vemi Istituto Vendite Giudiziarie Marche s.r.l.;
    • bonifico bancario (con oneri di commissione bancaria) utilizzabile solo per gli tenti che si sono resi aggiudicatari in modalità on-line, intestato a: Vemi Istituto Vendite Giudiziarie Marche s.r.l. - codice Iban: IT78T0311137400000000007172- SWIFT BLOPIT22 

Il pagamento nelle forme suddette darà corso al rilascio della Bolletta Ministeriale (equivalente di una fattura con iva esposta) e alla consegna del bene.
Non saranno accettati acconti o cauzioni e forme di pagamento diverse da quelle su scritte.

RITIRO BENI

Ritiro dei beni aggiudicati

Lo smontaggio, il trasporto e la movimentazione dei beni acquistati sono a totale carico dell’aggiudicatario, il quale dovrà organizzarsi con mezzi e uomini propri.

I beni presso la sede di Monsano (An), se viene perfezionato il pagamento, devono essere ritirati il giorno dell’asta o in caso di impossibilità entro e non oltre le ore 17.30 del giorno successivo la vendita.
I beni custoditi presso la sede del pignoramento, il ritiro dovrà essere concordato con il personale dell’I.V.G.

Per i beni di piccole dimensioni (es. gioielli, oggettistica.), qualora l’aggiudicatario voglia provvedere al ritiro a mezzo corriere, l’I.V.G. offre, previo corrispettivo (pari ad € 22 iva compresa), il servizio di packaging.
Per i mezzi targati è obbligatorio il passaggio di proprietà, avere attivata l’assicurazione o disporre di targa prova o carro attrezzi.

Qualora ne fosse fatta richiesta saranno forniti i nominativi di ditte del luogo con le quali potranno essere presi accordi personalmente dagli aggiudicatari sia ai fini economici sia ai fini delle tempistiche per il ritiro dei beni. 
A decorrere dal secondo giorno successivo alla data d’acquisto (compreso), in caso di mancato ritiro, i beni verranno trasferiti, con spese a carico dell’acquirente, presso la depositeria e verranno applicate le tariffe così come disposte dal Decreto Ministero Giustizia, decreto 10.05.2009 n. 80 (per beni provenienti da esecuzioni mobiliari); mentre per i beni provenienti da procedure concorsuali o esattoriali verranno applicate le seguenti tariffe:

  1. a) per motoveicoli e ciclomotori, euro 45,oo + iva al giorno;
  2. b) per autoveicoli, euro 50 + iva al giorno;
  3. c) per autocarri, mezzi agricoli e movimento terra, euro 90,oo + iva al giorno;
  4. d) per autoarticolati e rimorchi euro 140,oo + iva a giorno;
  5. e) altri beni mobili euro 10,oo + iva al giorno/m3

PASSAGGIO DI PROPRIETA’ PER I BENI MOBILI REGISTRATI

Lo scrivente Istituto, a saldo pervenuto, fornirà all’aggiudicatario il verbale di vendita con cui lo stesso dovrà effettuare il passaggio di proprietà.

L’eventuale mancanza di documenti (libretto di circolazione, CDP, etc.) verrà specificata nel verbale di vendita, con il quale l’aggiudicatario potrà a proprie spese, non quantificabili da questo ufficio, richiederne duplicato agli Enti competenti.

Per quanto attiene la CANCELLAZIONE DEI GRAVAMI (verbale di pignoramento), l’aggiudicatario dovrà a proprie spese (marca da bollo dal valore di € 11,63 e marca da € 16,00) recarsi presso la Cancelleria del Tribunale competente per richiedere e ritirare COPIA CONFORME del provvedimento del G.E.

Per quanto riguarda, invece, la cancellazione dei FERMI AMMINISTRATIVI l’aggiudicatario dovrà prendere contatti con la sede dell’AGENZIA DELLE ENTRATE competente territorialmente.

Qualora il servizio “CANCELLAZIONE DEI GRAVAMI (verbale di pignoramento)” verrà fornito dallo scrivente Istituto i costi saranno: € 129,13 per VEICOLI e MOTOVEICOLI (€ 75 + iva per servizio cancellazione + € 27,63 marche da bollo + € 10 raccomandata) € 153,53 per AUTOCARRI (€ 95 + iva per servizio cancellazione + € 27,63 marche da bollo + € 10 raccomandata) ed € 208,43 AUTOARTICOLATI E MEZZI AGRICOLI TARGATI (€ 140 + iva per servizio cancellazione + € 27,63 marche da bollo + € 10 raccomandata) specificando che la tempistica è comunque a discrezione dei Tribunali e dei G.E.

PER TUTTO QUANTO NON RIPORTATO NEL PRESENTE REGOLAMENTO SI FA RIFERIMENTO A QUANTO PREVEDE LA NORMATIVA VIGENTE IN MATERIA.

Qualora le summenzionate informazioni non risultassero sufficienti, contattare l’ I.V.G. esclusivamente nei giorni:

 

  • lunedì, il mercoledì ed il venerdì dalle ore 14.00 alle ore 18.00.